16 ottobre 2015

La metafora del provaci

Se mi segui su Facebook, sul mio profilo personale o sulla pagina ufficiale di Filoagogo, sai che qualche mese fa ho comprato il mio primo ukulele. Sì, un ukulele e pure rosa. (Eccoci QUI sul mio profilo di Instagram - CHEESE!).
No, non lo so suonare. Ma sono riuscita a accordarlo. Con l'aiuto di mio marito, se devo essere proprio sincera... Magari non diventerò mai brava come lei e non avrò mai un canale YouTube dedicato al mio ukulele ma mi sono messa in testa di imparare a suonare almeno questa canzone e beh, ci voglio riuscire! Imparare a suonare l'ukulele era una cosa che avevo in mente di fare da tempo. 


Ho deciso di imparare qualcosa di nuovo per il semplice gusto di farlo.


Avevo bisogno di qualcosa di "mio" a cui dedicarmi, un'attività manuale lontana dalle cose che amo fare di solito. Cercavo qualcosa che mi insegnasse a allenare la pazienza e a essere costante.
E il mio approccio all'ukulele è stato abbastanza pragmatico.
Dal momento che non ne sapevo un granchè per prima cosa mi sono rivolta agli amici. Ho pensato di chiedere se conoscessero qualcuno disposto a darmi qualche dritta su cosa acquistare e magari alcune lezioni. Beh, credo che chi suoni l'ukulele sia abbastanza geloso del suo talento perchè non ho trovato NESSUNO disposto a darmi una mano. Così ho lasciato passare qualche mese finchè ho deciso.

Se davvero volevo imparare dovevo smettere di aspettare che il mio (pazzo) sogno dipendesse da un'altra persona. 


E così ho acceso il PC e mi sono votata a San Google.
Lo sapevi per esempio che non esiste un solo tipo di ukulele? Ecco. Nemmeno io!
Sono riuscita in questo modo a mettere insieme quel minimo di informazioni utili per permettermi di entrare in un negozio di strumenti a comprarne uno. Il caso ha voluto che fosse pure rosa. Beh, il caso, uno sconto (effettivamente rosa chi se lo piglia?) e il mio lato buffo, naturalmente :-)
Sono tornata a casa, ho scaricato un app sullo smartphone per accordare il mio nuovo strumento e ho cominciato a seguire alcuni video tutorial su YouTube. Mi sono anche iscritta a un paio di gruppi tematici su Facebook di cui uno su Milano e ho cominciato con i primi accordi.

Ho deciso di provare e mi sono buttata!


Non so cosa combinerò ma sono certa che sarà divertente :-)

E' la metafora del #provaci! Quella cosa per cui non puoi sapere se sarai in grado di fare una cosa finché non ci proverai per davvero. Per esempio mio marito credeva di non saper disegnare, fino a quando un giorno al parchetto ha disegnato per terra con un gessetto rosso un drago per la Mini. E era magnifico!

E allora quest'inverno prova anche tu a fare qualcosa che non avresti mai pensato di fare. Tira fuori un piccolo sogno stropicciato dal tuo cassetto e... dacci dentro!

Sì vabbé ma io sono troppo curiosa, almeno scrivimi quale nei commenti, dai!
---
Seguimi su Facebook per raccontarmi la tua esperienza e condividere i tuoi dubbi o le tue idee. Iscriviti alla newsletter per ricevere il recap mensile sul tema e una buona dose di spunti interessanti.
---
ISCRIVITI ALLA MIA NEWSLETTER


2 commenti :

  1. Per tante piccole cose ci sto provando e funziona. Sinceramente qualcosa che vorrei fare ci penso e poi te lo scrivo. Grazie per il post. Ciao

    RispondiElimina
  2. voglio imparare a stampare in 3d! E prima o poi ci riuscirò

    RispondiElimina